Condividi
 
 

HOENERLOH STEFAN
 
ARTISTA OPERE MOSTRE IN ASTA
 

Stefan Hoenerloh Curriculum vitae nato negli anni ‘60 Studio d‘arte bei Peter Ackermann, Akademie der Bildenden Künste, Karlsruhe 1979 Studio di storia dell‘arte bei Andreas Franzke, Akademie der Bild. Künste di Karlsruhe 1980 vive a Berlino dal 1980 la storia FU Berlin Studio d‘arte, la filosofia, la musica della scienza, Germanistik dal 1986 uno strato con le immagini oilcolor, visite di studio in diverse città: 6 soggiorni a Roma, 5 soggiorni in Las Vegas, New York e San Francisco, dal 1992 lavora con diversi strati di olio e pittura acrilica, 1994-2010 8 soggiorni di studio in architettura naturale di erosione nei canyon dello Utah e dell‘Arizona progetti comuni con Bünck e Fehse 1997: calcolatore cortometraggio generato "The Art of Seduction istantanea" dal 1997 lavora con sottili strati di acrilico, olio e pittura alcyd, dal 2000 in studio nella villa tessitura Stralau sulla penisola, a Berlino dal 2002 tecnica di molti strati tra cui powdercolortransfer, epoxi resina, acrilico, olio, alcyd e tempera, Matrimonio con Natascha Wilms 2006, progetto avviato dal 2007: Pistorius rimodellando il 96 fabbrica al collegio d‘arte Weissensee, Berlino come uno trouvée oggetto, lo sviluppo di studi e museumrooms e 2008: progetto di film con la fotocamera volare attraverso Paria-canyon, 2010 tecnica di molti strati compresi lettering come cifra universale per informazioni: astrazione come miniaturizzati con codifica doppia. Pensieri sulla pittura di Stefan Hoenerloh compagnia esseri organizzati tendono a costruire grandi edifici ad uso comune. L‘architettura dell‘uomo possiede la più grande varietà di aspetti che trascendono l‘usabilità semplice. Quelli estetici, per esempio. Quelle simboliche, troppo. Sappiamo, dal lavoro di Günter Bandmann al più tardi che le cattedrali sono anche un riflesso della Gerusalemme celeste. Villas riflettono il gusto e l‘auto-comprensione di coloro che li avevano costruiti. E l‘architettura urbana riflette costumi, e misfatti, della società che ha fatto. Tutto questo è ancora più vero quando l‘architettura diventa l‘oggetto di una diversa arte, pittura. Una volta che l‘arte del costruire diventa il motivo della pittura, come nel lavoro di Stefan Hoenerloh, si deve fare i conti con più di una semplice interpretazione delle idee architettoniche. Stefan Hoenerloh è un pittore straordinario. Un pittore moderno con una perfetta padronanza delle tecniche degli antichi maestri, uno che quindi può mostrare e lasciare posto in essere tutto quello che vuole. Soggetto Stefan Hoenerloh `s grande è l‘architettura, la città costruita. Ma solo in sezioni. Egli non creare panorami della città come una visione pittorica di un passato, l‘architettura della città esistente o futuro. Una sezione di esso è a fuoco, proprio come se stessi possono vedere solo le sezioni di una città in cui si perambulates. Uno riconosce le architetture Stefan Hoenerloh mette su tela, in strati multipli di vernici trasparenti. E tuttavia si è tratti in inganno. Gli edifici, patinato dal tempo, potrebbe convincere per la loro correttezza dettagliata in ogni angolo e cornice, ma non sono reali. Hoenerloh non è un turista a Venezia, Marsiglia o Salamanca, che ha scambiato la fotocamera per un pennello. Anche se le linee oblique nei dipinti possono, in un primo momento, suggerisce un punto di vista fotografico, o che ci troviamo di fronte con fotografie o dipinti dopo le fotografie. I suoi edifici dipinti sono pura finzione. Si levano in piedi da nessuna parte al di fuori i suoi dipinti. Ed è per questo che si può parlare di più di una vera architettura è in grado di, è per questo che stanno ovunque. Il incorporano un concetto di architettura della città al di là dei confini architettonici che l‘architettura reale è destinata a soffrire. Ed è per questo che possiamo parlare di più della vera architettura si incontra proprio dietro l‘angolo o presso le rive del lontano Newa. edifici Hoenerloh di non darci un corso accelerato di storia degli stili. Si uniscono gli stili di architettura della città e la decorazione architettonica tra Rinascimento e Classicismo e il loro neo-forme senza essere giurato-in sui loro concetti di base. Si tratta di una corrispondenza internamente logica per rinunciare alla rappresentazione dell‘architettura reale. Da questa doppia finzione acquistano la forza di impatto sul spettatore, indipendentemente dalla sua esperienza di vita, età, sesso e posizione sociale. Indipendente da come questi sfondi possono influenzare le relazioni degli spettatori bambini ai dipinti di Hoenerloh, il kernel di queste è universale, esplorabile tramite l‘impressione sensuale, l‘esperienza visiva. C‘è, in primo luogo, le dimensioni. Hoenerloh I dipinti non necessariamente in possesso di dimensioni monumentali, ma monumentalità è chiaramente una caratteristica degli edifici che dipinge. Uno dei motivi è che non dipinge casette, ma gli edifici di grandi dimensioni con molti piani. Edifici che a malapena a vedere l‘intero, ma soprattutto in proprio questo tipo di vista dal basso (sotto in s?) Che ci rende più piccoli e gli edifici ancora più grande. Il parlare di una volontà, una potenza e una tradizione che va al di là di noi e dei nostri mezzi, che è sociale e quindi super-individuale. Ciò è anche il motivo per la scelta Hoenerloh di ãclassicalÒ forma al posto di quelli individualistici moderni è appropriato. Modernismo collettivista è fuori discussione, come è esteticamente insipido. E mette lo spettatore in relazione con questi grandi complessi, che deve definire la sua posizione in relazione ad essi, che deve attivare il mondo interiore dei pensieri e delle emozioni, al fine di dar vita ai mondi dipinti. E poi ci è vuoto. Nessun essere umano, né animali Ð e non si vede tutte le altre piante sia Ð inhabitate Hoenerloh di case. Nessuno si può vedere, almeno. Gli edifici non sembrano essere fuori uso, ancora. Vi sono, tuttavia debole, tracce di loro utilizzo. E se è lo spettatore che deve accendere i suoi pensieri ed emozioni, allora è lo spettatore, anche, che vive qui. O con gli amici suoi e conoscenti o parenti che paga una visita a quando entra Hoenerloh i quadri con i suoi occhi. Almeno potrebbe essere il suo oi suoi conoscenti. Ma c‘è anche un‘altra possibilità. L‘osservatore può essere anche un eye-turistica l‘ignoto, venendo improvvisamente intorno ad un angolo e incontrare una vista non ha mai visto minerale almeno non in questo modo. Un‘esperienza relative ad un ben molti hanno avuto. Passeggiando per la città si vede qualcosa di strano, si pensa di sapere già, di aver visto prima. In una vita diversa, forse. Ma non è un vero e proprio dŽj-vu, come in realtà non lo sa. Questo Hoenerloh dipinti di fornire dŽj presque-vu, cose che si potrebbe quasi mai visto prima. L‘incertezza e la tensione tra le cose passate e le cose possibili è la fonte del fascino di questi dipinti. E poi c‘è tempo. Le case nei dipinti sono vecchi, rosicchiato dai denti su di vecchi Chronos cieco, coperti dalla polvere di molti un decennio, bagnata dalle piogge di molti cento autunni attaccati dagli il tempo di innumerevoli anni. La loro patina, sporco e distinta allo stesso tempo, indica la dignità di età (che ha ottenuto l‘età, se non forse la dignità?), Mostra che essi ci sono stato per più di noi, gli spettatori, sarà sempre. Si mostrano così di essere superiore. Dicono di tempo. tempo è infinitamente affascinante. Nemmeno la fisica, la scienza forse più avanzata, è venire a patti con esso. Fisica ritiene tempo per essere relativo e che può essere allungato dalla velocità. Così la fisica dimostra di essere povero, in quanto non riesco a capire, con i propri mezzi, che misura solo gli effetti agendo sul tempo di pezzi (come sono materiale). Il tempo stesso è assoluto. Va in modo permanente, un raggio infinito. Senza inizio, senza fine. Il tempo è sempre stato e sarà per sempre. Non si può viaggiare nel tempo come si può nello spazio. Ciò che è stato è andato per sempre. Quale sarà, nessuno lo sa. Anche se ci fosse una navicella spaziale volare più veloce della luce, non poteva entrare nel futuro, in quanto non è ancora successo, e dal passato poteva vedere solo alcuni raggi di luce. La luce è anche soggetto alle regole della termodinamica Ð finisce nel caos irrevocabile. Tutto questo provoca paura (Angst). Stefan Hoenerloh è pieno di paura. E così egli cerca, sia pure un eroico sforzo inutile, per portare tutto a un punto morto. Per le isole si accumulano all‘interno del flusso del tempo, che non verranno spazzati via. Questo, naturalmente, non funziona. E lo spettatore, condividendo la paura Hoenerloh di tempo, se ne accorge. Le case raccontano il tempo, del tempo che è stato. E ciò che ammiriamo in vecchie mura è probabilmente il numero infinito di fili della vita che sono stati inviati in spool off al loro interno, i numerosi mille grida lunghe sbiaditi del dolore, della concupiscenza, della gioia, l‘infinitamente lontano eco di un pianto flebile di un bambina riverberante in silenzio tra le pareti, i sospiri dolorosi delle madri, catturati tra le travi in legno dei soffitti, le divagazioni ubriachi degli uomini che gocciolava dalle nicchie profonde attraverso le finestre, il calpestare i piedi grandi e piccoli di molti generazione prima di noi e che siamo tenuti a seguire. E la malinconia di fronte al vecchio non è altro che un dolore incapsulato sulla conoscenza della certezza della propria morte. Dipingere le antiche mura è il modo Stefan Hoenerloh di vietare questi demoni. Ogni quadro una candela nel cerchio magico. Ogni pennellata un incantesimo. E Hoenerloh si concentra sugli edifici. Non c‘è cielo nuvoloso drammaticamente. Il cielo rimane coperto impenetrabile, forse lo sfondo, a volte, per un orizzonte espressivo frastagliata, ma soprattutto solo la fonte per la quasi tenero, luce uniformemente distribuita nel dipinto, che conduce lo spettatore per l‘immagine, come un amico lontano, gentilmente messa un braccio sulla sua spalla. Una volta nello spazio immaginativo dei dipinti, è possibile vedere i dettagli che esaltano l‘esperienza. Ci sono camere non si può vivere in, anche se potrebbe non sembrare così in un primo momento. Ci sono ampie parti di edifici che non racchiudono le camere, anche se si pensa che sia il caso in un primo momento. Ci sono le coppie bilanciate delle opposizioni, le scale che portano verso l‘alto e verso il basso, il Ponte dei Sospiri che collega apparentemente unconnectable. Tutto questo porta ad una ricca esperienza ancora paradossale di architettura per mezzo della pittura. E ‘pittura che rende chiaro ciò che l‘architettura è e ciò che non può essere. E si vede attraverso se stesso ciò che può offrire delle possibilità di conoscenza e di comprensione, di percezione e cognizione. Sia per il pittore e lo spettatore. Così la pittura diventa una concretizzazione simbolica dell‘esperienza del mondo. E ci sono i modelli della patina, che sembrano registrazioni minuziosi di degrado materiale, ma che si trasformano in autonomi modelli estetici a un esame più attento. Godono di una vita decisamente autogovernata nel quadro dell‘esecuzione pittorica delle immagini. Perché questo è anche ciò che Stefan Hoenerloh dipinti di sempre sono: pittura che si mostra come tale. Gerhard Rump Charles

Copyright© ArtInterni.com 2007 - Tutti i Diritti Riservati

 
VIDEO info@renatonatalechiesa.com
 
video fiera 2011
 
Giovanni Paolo II Beati Incontri Celesti
 
 

Questo sito utilizza cookie.
Visitando questo sito web si autorizza l' impiego di cookie. Per informazioni dettagliate sull' impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".
Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su OK si accetta la nostra Policy sui cookie.


OK  -  "Maggiori informazioni"