Condividi
 
 

D‘ANNA GIULIO
 
ARTISTA OPERE MOSTRE IN ASTA
 

Giulio D‘Anna Giulio D‘Anna (Villarosa - Enna, 28-8-1908 - Messina, 18-11-1978) alla morte prematura del padre, con la madre da Villarosa si trasferisce a Partinico, in provincia di Palermo, inserendosi presto nel mondo intellettuale palermitano attraverso il fratello maggiore Giacomo, che lavora nella Libreria Trimarchi. E così, probabilmente, conosce il giovanissimo Guttuso, al quale poi, a Messina, organizza una delle prime mostre e che allora è vicino all‘ambiente futurista palermitano capeggiato dal maestro Pippo Rizzo. Quando il fratello si trasferisce a Messina, a lavorare alla Libreria Principato, Giulio lo segue, venendo a contatto con il vivace ambiente futurista della città, capeggiato da Jannelli, Nicastro e Vann‘Antò: alla Principato Depero espone nel ‘26 con molto successo i suoi fantasiosissimi cuscini ed arazzi. Questo ambiente lo attrae molto indirizzandolo, da autodidatta, all‘esplorazione della tecnica pittorica futurista soprattutto in ambito aeropittorico. A Roma e a Milano incontra Marinetti, che visita la sua prima personale messinese nel ‘31 alla Galleria Vittorio Emanuele e presenzia all‘inaugurazione della personale del ‘33 nella Hall del Grand Hotel. Ma è anche vicino a Giacomo Balla, a Depero e a Carrà. Nel ‘31 espone pure alla Galleria Pesaro e nella I Mostra futurista di Aeropittura e di Scenografia della Camerata degli Artisti di Milano, a Trieste nella I Mostra triestina di Pittura e Aeropittura futurista, a Gorizia nella Mostra internazionale d‘Arte coloniale, promossa dall‘Ente Autonomo della Fiera di Tripoli, per la quale partecipazione ottiene un diploma. Nel 1932 è invitato su sollecitazione di Luciano Nicastro e Guglielmo Jannelli a Vittorio Corona e a Pippo Rizzo, alla III Esposizione del Sindacato regionale fascista delle Belle Arti di Sicilia; nel 1936 è presente alla VII Sindacale, organizzata a Siracusa e nel 1941 alla X di Palermo. Nel ‘33 capeggia a Messina uno dei nuovi Gruppi indipendentisti futuristi ed è a Firenze alla I Mostra intersindacale d‘Arte organizzata per la Primavera fiorentina e nella I Mostra Nazionale Futurista di Roma; nel ‘34 e nel ‘36 è a Venezia alla XIX e alla XX Biennale, primo pittore messinese ad esservi invitato. La sua partecipazione è sostenuta da Marinetti, che lo stimola a produrre "tipiche e piuttosto grandi aeropitture". Il suo quadro, Amanti nello spazio, esposto nel ‘34, è acquistato dalla Confederazione Nazionale Professionisti e Artisti, per destinarlo ad una Galleria d‘Arte Moderna: oggi è disperso. Nel ‘35 è a Roma alla II Quadriennale con Metamorfosi cosmica, a Parigi alla Mostra italiana, dove vince un premio come pittore più giovane e a Messina nella III Mostra d‘arte siculo-calabra con una personale. E‘ probabilmente a Palermo nella grande Mostra di Aeropittura e Arte Sacra, allestita da Prampolini nel Ridotto dei Teatro Massimo nel 1935. Negli anni Trenta, D‘Anna collabora con disegni alle riviste messinesi "Volontà" e "Ponte" e a "La Gazzetta di Messina", ma anche ad alcune riviste nazionali. Dopo il lungo silenzio della parentesi bellica, nei primi anni Cinquanta, quando il fratello Giacomo trasferisce a Firenze la sede della casa editrice D‘Anna, Giulio resta a Messina a dirigere la Libreria, che diviene un punto di riferimento per gli intellettuali della città, insieme con la Libreria dell‘Ospe di Saitta. Ritorna ad uscire in pubblico e dal 1953 al ‘76 le sue mostre personali e collettive si succedono con scansione regolare a Messina, Palermo, Napoli e Roma. (A.M. Ruta)

Copyright© ArtInterni.com 2007 - Tutti i Diritti Riservati

 
ritzow new
 
Renato Natale Chiesa Video.
 
Artvalue
 
 

Questo sito utilizza cookie.
Visitando questo sito web si autorizza l' impiego di cookie. Per informazioni dettagliate sull' impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".
Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su OK si accetta la nostra Policy sui cookie.


OK  -  "Maggiori informazioni"